Fondazione Cassa di Risparmio di Fano
India: bicchiere in ottone  papier mâché con disegni vari
India: bicchiere in ottone papier mâché con disegni vari

Museo Etnico Bagnaresi

Galleria fotografica - Oggetti in bronzo e ottone

Anche per quanto riguarda il bronzo e l'ottone, il Museo Etnico Bagnaresi ha molto da offrire ai suoi visitatori.

Con oltre 200 pezzi di natura e stile completamente differenti, la raccolta propone oggetti che rappresentano figure zoomorfe, bracciali, cavigliere, ciondoli, campane, ecc.

Molto numerose anche le statue, che vanno dalle figure femminili a quelle più antiche (lacca rossa) che ritraggono divinità, come il "Krishna" o il Buddha "Amitaba" detto "della meditazione", le cui mani sorreggono una coppa simbolo della vita monacale e dell'abbandono della materia.

Ma anche scatole e vasi preziosamente decorati che documentano la volontà degli artisti di non creare dei semplici "contenitori" con finalità funzionali ed estetiche, ma vere e proprie opere d'arte che potevano anche essere usate per fini pratici.
Le immancabili decorazioni sui fianchi degli oggetti rispondono spesso ad una "grammatica" dei simboli che si presta ad una interpretazione puntuale del preciso significato.

Possiamo proseguire citando alcuni oggetti Buddhisti del Tibet:
il "GHANTA", uno strumento rituale della liturgia buddhista tibetana, costituito da una campanella (dril-bu) con l’impugnatura a forma di vajra. Rappresenta la vacuità di tutte le cose ed è il simbolo femminile della conoscenza trascendente (praj-na);
"VAJRA": nei tempi bellici questo termine indicava la folgore, arma di Indra, ma nel Tantrismo venne ad indicare il diamante, simbolo della purezza e dell’indistruttibilità dell’Assoluto, e fu reso in tibetano con il termine rdo-rje (signore delle pietre). È anche il simbolo maschile degli aspetti attivi della compassione (karuna) come metodo per la liberazione. Lo strumento liturgico di questo nome, essenziale nel rituale lamaista, è una sorta di piccolo scettro che termina alle due estremità con tre, cinque, o nove reti convergenti al centro;
"PHUR-BU": pugnale rituale con lama a sezione triangolare, usato negli esorcismi per domare e vincere i demoni “inchiodandoli” al suolo. L’impugnatura del phur-bu è decorata con tre teste di una divinità tutelare, mentre la lama emerge dalla bocca di un mostro (makara) ed è ornata con serpenti.

Senza voler essere esaustivi, ricordiamo infine che la collezione espone anche timbri, ciotole, brocche e timpani con i simboli gloriosi del Buddhismo.

Museo Etnico Bagnaresi - India: divinità in bronzo finemente lavorato

India

Divinità in bronzo finemente lavorato

Museo Etnico Bagnaresi - Cina: teiera in ottone con incisioni di pregio

Cina

Teiera in ottone con incisioni di pregio

Museo Etnico Bagnaresi - Cina: vaso con coperchio lavorato e tre piedini raffiguranti bimbi (ottone)

Cina

Vaso con coperchio lavorato e tre piedini raffiguranti bimbi (ottone)

Museo Etnico Bagnaresi - India: bicchiere in ottone e papier-mâché con disegni vari

India

Bicchiere in ottone e papier-mâché con disegni vari

Museo Etnico Bagnaresi - Tibet: 'Ghanta'. Strumento rituale della liturgia buddhista tibetana, costituito da una campanella (dril-bu) con l’impugnatura a forma di 'vajra'. L’insieme di 'vajra' e 'ghanta', impugnati dall’officiante rispettivamente nella destra e nella sinistra, rappresenta l’unione di metodo e conoscenza nel raggiungimento della liberazione e il superamento di ogni contrasto nella realtà ultima dell’Assoluto

Tibet

"Ghanta". Strumento rituale della liturgia buddhista tibetana, costituito da una campanella (dril-bu) con l’impugnatura a forma di "vajra". L’insieme di "'vajra" e "ghanta", impugnati dall’officiante rispettivamente nella destra e nella sinistra, rappresenta l’unione di metodo e conoscenza nel raggiungimento della liberazione e il superamento di ogni contrasto nella realtà ultima dell’Assoluto

Museo Etnico Bagnaresi - Tibet: 'Vajra'. Nei tempi bellici questo termine indicava la folgore, arma di Indra, ma nel Tantrismo venne ad indicare il diamante, simbolo della purezza e dell’indistruttibilità dell’Assoluto, e fu reso in tibetano con il termine rdo-rje (signore delle pietre)

Tibet

"Vajra". Nei tempi bellici questo termine indicava la folgore, arma di Indra, ma nel Tantrismo venne ad indicare il diamante, simbolo della purezza e dell’indistruttibilità dell’Assoluto, e fu reso in tibetano con il termine rdo-rje (signore delle pietre)

Museo Etnico Bagnaresi - Tibet: Phur-bu. Pugnale rituale con lama a sezione triangolare, usato negli esorcismi per domare e vincere i demoni “inchiodandoli” al suolo. L’impugnatura del phur-bu è decorata con tre teste di una divinità tutelare, mentre la lama emerge dalla bocca di un mostro (makara) ed è ornata con serpenti

Tibet

Phur-bu. Pugnale rituale con lama a sezione triangolare, usato negli esorcismi per domare e vincere i demoni “inchiodandoli” al suolo. L’impugnatura del phur-bu è decorata con tre teste di una divinità tutelare, mentre la lama emerge dalla bocca di un mostro (makara) ed è ornata con serpenti

Comunicazione istituzionale

Conoscere la Fondazione 2014
Reportage fotografico sull'attività erogativa della Fondazione nel periodo 2004 - 2013
(formato pdf - Mb 7,6)

Le Fondazioni: un immenso bene italiano
Campagna di comunicazione a cura di ACRI con la collaborazione di Pubblicità Progresso

Realizzazioni recenti

Museo Etnico Bagnaresi
Una preziosa e unica collezione di opere d’arte, artigianato e di interesse multietnico provenienti da tutti i continenti (Ingresso gratuito tutto l'anno con prenotazione presso la Fondazione)

SISTEMA MUSEALE
DI PALAZZO BRACCI PAGANI

Il Palazzo storico dedicato ad ospitare una struttura polivalente e moderna per finalità artistiche e scientifiche

Fondazione Cassa di Risparmio di Fano
Via Montevecchio n. 114 - 61032 FANO (PU)
Tel. 39 0721 802885 - Fax 39 0721 827726 - E-mail:
C. F. 90008180417