Comunicati Stampa

“Bruno d’Arcevia. Le stanze della magia”: a Palazzo Bracci Pagani in mostra 57 opere

Presentazione Bruno d'Arcevia

Aprirà al pubblico il 7 agosto alla Diana Art Gallery del Sistema Museale di Palazzo Bracci Pagani la mostra antologica “Bruno d’Arcevia. Le stanze della Magia”, organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Fano con il prezioso contributo di Azimut Capital Management.

La mostra, che sarà presentata da Anna Maria Ambrosini Massari, docente di Storia dell’Arte Moderna presso l’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, si potrà visitare fino al prossimo 17 ottobre con “ingresso gratuito”. In esposizione 57 opere.

“La mostra punta a rappresentare, per l’alta qualità delle opere scelte e il loro ventaglio tematico e antologico, un evento di rilievo nazionale – commenta il presidente della Fondazione Carifano Giorgio Gragnola. – L’obiettivo resta comunque quello di dare alla città e ai cittadini del territorio un’offerta culturale di alto livello capace di elevare la conoscenza del dibattito condotto in ambito sempre più planetario su come fare arte nella galassia di forme proteiformi della contemporaneità. Un argomento questo, declinato in termini, se si vuole anche provocatori, che diventa strumento a sollecitare attenzione soprattutto nel ceto giovanile dato che il futuro appartiene soprattutto ad essi”.

Ad aver ideato la mostra è stato Carlo Bruscia: “La pittura, che era morta con l’arte concettuale, con la corrente artistica figurativa è ritornata a vivere e personaggi come Bruno d’Arcevia, con cui ho un rapporto fraterno, contribuiscono a portare la pittura italiana in tutto il mondo”.

 “Per conoscere Bruno D’Arcevia, per valutare la bellezza, la grandezza il coraggio della sua arte, questa mostra è un’opportunità straordinaria, e forse unica nel suo genere – scrive nell’introduzione del catalogo Anna Maria Ambrosini Massari -. La definirei, prima di tutto, una mostra esperienza: dunque non un evento effimero ma un percorso al termine del quale qualcosa dentro di noi sarà cambiato”.

L’inaugurazione della mostra è in programma il 7 agosto alle ore 18 alla Pinacoteca San Domenico con intervento di Anna Maria Ambrosini Massari. Per l’occasione i Maestri Sauro Nicoletti (sax soprano) e Stefano Baldelli (pianoforte) suoneranno musiche di G. B. Viviani, G. F. Handel e J. S. Bach.


Orari di visita:
dal 7 agosto al 14 settembre: mar – dom h 21,00 – 23,00
dal 15 settembre al 17 ottobre: mar – dom h 17,30 – 19,30